Ascoltare qualcuno che si lamenta spegne i neuroni

Sembra assurdo ma gli esperti hanno rilevato che ascoltare qualcuno che si lamenta non solo è fastidioso e triste ma spegne anche i neuroni del cervello.

Recenti ricerche scientifiche fatte anche alla Stanford University hanno dimostrato che ascoltare per più di 30 minuti al giorno contenuti intrisi di “negatività” nuoce a livello cerebrale.

La lamentela viene processata in quella parte di cervello dedicata alle funzioni cognitive normalmente usata per risolvere i problemi e la sua presenza causa letteralmente una rimozione di neuroni.

LEGGI ANCHE:Sei pessimista? Il tuo cervello è più piccolo

Le lamentele degli altri ci causano stress perché ci coinvolgono attivamente nella ricerca di una soluzione. Solo che per quanto riguarda molte lamentele, non esiste affatto una soluzione.

Lamentarsi significa esaltare un problema in modo inconcludente. Prendere coscienza della sua presenza e della sua ineluttibilità. È come dire le cose stanno così e io non posso farci niente.

Fisiologicamente, le cellule del nostro cervello si specializzano con contenuti di basso livello, perdendo nel tempo in creatività e capacità di risolvere le situazioni critiche, uscire dalle difficoltà e mettere in moto l’inventiva, cosa che si sviluppa normalmente nelle persone che invece di scegliere la lamentela, trasformano le “crisi” in opportunità: un cervello in movimento, volto continuamente a creare, permette nell’insieme di essere più consapevoli.

Un ulteriore studio di Eurodap sostiene che il 90% degli italiani vive in un costante stato di allarme. I media mettono in primo piano informazioni allarmanti, tragiche e scabrose, fornendo una selezione che può solo incoraggiare gli stati d’ansia e tensione come concimi per la paura, la disillusione e la perdita di speranza.

Ragionare su un problema invece significa prendere coscienza delle variabili da cui è formato per programmare un’azione risolutiva.

In questo caso, il cervello organizza nuove connessioni neurali frutto del problem solving attivo, e nel migliore dei casi alla fine approda a una soluzione che una volta imparata può essere ripescata per risolvere altri problemi simili.

Author: SDS

Share This Post On