‘Basta pensioni d’oro e anziani che lavorano a lungo mentre i giovani restano a casa’

Il Papa questa volta è veramente furioso e e si è sfogato durante l’incontro con i delegati Cisl. ‘Basta pensioni d’oro e anziani che lavorano a lungo mentre i giovani restano a casa’…

“E’urgente un nuovo patto sociale per il lavoro, che riduca le ore di lavoro di chi è nell’ultima stagione lavorativa, per creare lavoro per i giovani che hanno il diritto-dovere di lavorare” ha detto aggiungendo che “è una società stolta e miope quella che costringe gli anziani a lavorare troppo a lungo e obbliga una intera generazione di giovani a non lavorare quando dovrebbero farlo per loro e per tutti”.

“Nel lavoro – ha aggiunto – la donna è di seconda classe, guadagna di meno, è più facilmente sfruttata, fate qualcosa”. Ai sindacalisti il Papa ha detto:

“Nelle nostre società capitalistiche avanzate il sindacato rischia di smarrire la sua natura profetica, e diventare troppo simile alle istituzioni e ai poteri che invece dovrebbe criticare, alla politica, o meglio, ai partiti politici, al loro linguaggio, al loro stile”.

Insomma anche il Papa ha deciso di dire la sua sulla terribile questione dei lavoratori italiani, che sono sempre più precari e i disoccupati sempre più amareggiati.

Papa Francesco ai migranti. 'La vostra presenza è segno di speranza'

Infatti i dati sono davvero allarmanti: Quanto alla disoccupazione giovanile, il tasso nella Ue a 28 si ferma al 17,3%, quello dell’Eurozona è al 19,4%. L’Italia, nonostante la riduzione a quota 35,2%, resta terzultima dietro Grecia (45,2%) e Spagna (41,5%).

Piccoli passi positivi invece si sono registrati nei mesi scorsi.I n calo in aprile le domande di disoccupazione
Nel mese di aprile 2017 sono state presentate all’Inps 103.929 domande di indennità disoccupazione, il -9,2% rispetto al mese di aprile 2016, quando si erano calcolate 114.422 domande.

L’osservatorio Inps sulla cassa integrazione precisa che sono state presentate 8 domande di ASpI, 1 domanda di miniASpI e 102.762 domande di NASpI. Nello stesso mese sono state inoltrate 445 domande di disoccupazione e 713 domande di mobilità.

Author: SDS

Share This Post On