Calcolo pensione INPS 2015. Simulazione importo online con PIN

Calcolo la Mia Pensione INPS 2015 è il nuovo servizio messo a disposizione dall’INPS ai cittadini partito dal 1° maggio 2015 che permette di simulare quale sarà l’importo della pensione in base a determinati parametri quali ad esempio l’età, i contributi versati e il reddito e quindi lo stipendio/retribuzione…

Il simulatore di calcolo della pensione INPS 2015 può essere utilizzato sia dai lavoratori dipendenti, autonomi e iscritti alla gestione separata, per utilizzarlo basta disporre del PIN ordinario INPS, per cui non serve quello dispositivo, e accedere alla pagina ufficiale del servizio.

Vediamo in dettaglio cos’è e come funziona il simulatore di calcolo pensione, come si accede e da quando è attivo e per chi, quali sono i dati che si ottengono e quali parametri macroeconomici sono utilizzati per calcolare l’importo.

La Mia Pensione INPS 2015 cos’è?

Il nuovo serve ad aiutare i lavoratori a capire in base a determinati parametri come età, contributi e retribuzione, aspettativa di vita ecc, quale sarà l’importo della pensione a cui avranno diritto al raggiungimento dei requisiti per il pensionamento. Tale servizio online, è quindi un

Calcolo pensione INPS 2015. Simulazione importo online con PIN

FOTO: www.calcolo-pensione.com

simulatore di calcolo pensione INPS che può essere utilizzato per determinare l’importo dell’assegno mensile della pensione per circa 17,8 milioni di lavoratori tra dipendenti, autonomi ed iscritti alla gestione separata.

LEGGI ANCHE: INPS, Malattia e Visita Fiscale 2015: alcune Novità

Si specifica che la Mia Pensione essendo un servizio online INPS può essere utilizzato solo da chi è possesso del PIN personale, per cui, per chi non lo possiede se vuole simulare il calcolo, deve provvedere a richiederlo utilizzando la procedura standard che vedremo più avanti mentre per chi non vuole effettuare alcuna richiesta PIN, può comunque fruire del servizio di simulazione importo della pensione futura, rivolgendosi ad una delle 154 sedi INPS sul territorio italiano.

LEGGI ANCHE: Inps: 6 pensionati su 10 ricevono meno di 750 euro

Perché? Perché secondo quanto annunciato dal Presidente dell’INPS Tito Boeri, il calcolo la mia pensione sarà l’unico servizio utile di simulazione importo, per cui a casa degli italiani non arriverà alcuna busta arancione INPS per comunicare l’importo della futura pensione.

Simulazione calcolo importo pensione INPS 2015: per chi e da quando?
Chi può fare la simulazione del calcolo pensione?

LEGGI ANCHE: Svolta Inps: donne in pensione a 57 anni

Il servizio di simulazione calcolo importo pensione 2015 è disponibile per le seguenti categorie di lavoratori:a

Lavoratori dipendenti che versano i contributi al Fondo Pensioni Lavoratori Dipendenti

Lavoratori iscritti alla Gestione Separata.

Lavoratori automi che versano i contributi alle Gestioni Speciali dei Lavoratori Autonomi (Artigiani e Commercianti, Coltivatori diretti, coloni e mezzadri).

Da quando è possibile accedere al servizio?

Il servizio di simulazione calcolo la Mia Pensione INPS da quando parte?

1° maggio per i lavoratori sotto i 40 anni;

1° giugno per i lavoratori sotto i 50 anni;

1° luglio per tutti gli altri lavoratori.

Dal 2016 il servizio sarà poi reso disponibile anche per i dipendenti pubblici, lavoratori domestici come colf e badanti, agricoli e per gli altri lavoratori con contribuzione versata nei diversi fondi e nelle gestioni amministrate dall’Inps.

A cosa serve il simulatore calcolo pensione INPS?
Il simulatore per il calcolo della pensione INPS serve ai cittadini – per ora solo a lavoratori dipendenti, autonomi e gestione separata – di poter:

LEGGI ANCHE: Inps: un pensionato su due prende meno di 1.000 euro al mese

Verificare il numero di contributi INPS versati e in quale periodo, ed accedere eventualmente, al servizio di segnalazione contributiva per comunicare all’Inps i periodi di contribuzione mancanti;

Calcolare la data in cui si andrà in pensione, ovvero, quando si perfezioneranno i requisiti per maturare il diritto alla pensione di vecchiaia o pensione anticipata;
Calcolare l’importo stimato della pensione “a moneta costante”, a prescindere dall’inflazione;
Verificare il tasso di sostituzione applicato e ottenere una stima del rapporto fra la prima rata di pensione e l’ultimo stipendio.
Effettuare più simulazioni, modificando la retribuzione, la data di pensionamento o entrambi i dati.
Calcolo la mia pensione INPS come funziona?
1) Per utilizzare il nuovo servizio calcolo la Mia Pensione INPS occorre essere in possesso del PIN INPS ordinario oppure va richiesto attraverso una procedura standard, analoga a quella seguita da milioni di contribuenti per il PIN 730 precompilato ma a differenza di questa, non serve convertire il pin da ordinario a dispositivo.

La richiesta di PIN INPS Ordinario la Mia Pensione può avvenire quindi:

rivolgendosi direttamente ad una delle sedi INPS

online seguendo i passi della seguente procedura di richiesta PIN

chiamando il numero verde 803 164 gratuito per chi chiama da rete fissa mentre se si chiama da cellulare il numero da fare a pagamento è lo 06 164164.

2) Una volta ottenuti la prima e seconda parte del PIN Inps, che in tutto compongono una password da 16 caratteri, è possibile accedere al servizio la Mia Pensione digitando il codice Pin e il proprio codice fiscale.

3) Effettuata l’identificazione ai servizi telematici INPS, si entra nel simulatore di calcolo della pensione ove sono presenti i dettagli informativi circa il funzionamento del sistema contributivo e della seguente precisazione: “che si tratta di una simulazione che non ha alcun valore certificativo”. Scendendo poi, si trovano i dati circa i versamenti effettuati nei vari periodi, per cui il lavoratore può verificare il numero dei contributi versati per ogni settimana di contribuzione e la relativa misura e stima dell’importo della pensione.

Dal momento che i dati che si ottengono con il simulatore sono solo una stima in base alla situazione di contributi e reddito attuali, tale situazione potrebbe cambiare per effetto di un evento improvviso e inaspettato come ad esempio in caso di cessazione o cambio dell’attività, disoccupazione, trasformazione del contratto di lavoro da determinato o apprendistato a tempo indeterminato o a causa di eventi esterni che potrebbero influire sull’andamento dell’economia e delle aspettative di vita medie, pertanto, è bene non prendere troppo alla lettera ciò che ci risulta dalla simulazione, in quanto il calcolo dell’assegno di pensione è basato su una simulazione standard, ovvero, su una crescita del reddito stimata all’1,5% l’anno.

Sul sistema di calcolo standard, il lavoratore può poi effettuare anche altre simulazioni di calcolo importo per vedere ad esempio come e di quanto cambia l’importo della pensione in caso di mancato versamento dei contributi per alcuni periodi o mancati aumenti di stipendio.

Share This Post On