Carburanti, aumenta il prezzo di benzina e diesel

Brutte notizie per gli automobilisti che dovranno fare presto i conti con l’aumento del costo di diesel e benzina. Il prezzo medio nazionale praticato in modalità self della benzina è pari a 1,523 euro al litro, con i diversi marchi che vanno da 1,516 a 1,546 euro (no-logo 1,498).

Il prezzo medio praticato del diesel invece è pari a 1,381 euro, con le compagnie che passano da 1,376 a 1,400 euro (no-logo a 1,354). Rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, un pieno di benzina adesso costa 4,35 euro in più, mentre per il diesel occorre mettere in conto una maggiore spesa di +7,5 euro a pieno, quanto al servito, per la benzina il prezzo medio praticato è di 1,652 euro (prezzi da 1,621 a 1,741 euro, no-logo a 1,528), mentre per il diesel la media è a 1,513 euro, con i punti vendita delle compagnie da 1,484 a 1,612 euro (no-logo a 1,384).

Il Codacons dopo la notizia degli aumenti si lamenta per i cittadini e denuncia: “Rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, un pieno di benzina costa oggi 4,35 in più, mentre per il diesel occorre mettere in conto una maggiore spesa di +7,5 euro a pieno. Considerato il numero di italiani in viaggio durante il ponte di Ognissanti gli automobilisti dovranno affrontare nei prossimi giorni una stangata complessiva da oltre 80 milioni di euro solo per i rincari dei listini di benzina e gasolio”.

Dunque molti automobilisti presto saranno costretti a pagare di più, tuttavia esistono dei consigli per risparmiare almeno un pò in macchina. 1) MODERARE LA VELOCITÀ DI CROCIERA: A velocità elevate, infatti, aumentano notevolmente le resistenze aerodinamiche e quindi il consumo. Una volta ridotte le accelerazioni e raggiunta una velocità costante, anche la velocità media in chilometri orari influirà sul consumo di benzina.

LEGGI ANCHE:Gomme termiche e catene, ecco quando scatta l’obbligo

2)SPEGNERE IL MOTORE LUNGO LE CODE PROLUNGATE: Spegnere il motore durante un carico-scarico o I una sosta al semaforo, in generale nelle fermate di mezzo minuto o più, comporta un certo risparmio. Mantenete anche il motore a un basso regime di giri e prestate attenzione quando cambiate la marcia: cambiarla già a bassi regimi vi consentirà di consumare meno carburante.

3) NON ACCENDERE INUTILMENTE IL CONDIZIONATORE: Il condizionamento dell’abitacolo è responsabile del consumo di un piccolo surplus di energia quindi meglio non usarlo senza senso.

4) CONTROLLARE LA PRESSIONE DELLE GOMME: E’ stato dimostrato che più la gomma è sgonfia più la macchina brucia benzina. «Le gomme sgonfie comportano una maggiore superficie di contatto tra la gomma e l’asfalto. Attenzione infine ai carichi inutili che possono incrementare i consumi fino al 40 per cento: ogni chilogrammo in più richiede carburante, benzina o gasolio per il suo trasporto. Per questo motivo cercate di svuotare regolarmente l’auto eliminando tutto ciò che non è strettamente necessario.

Author: SDS

Share This Post On