Carne rossa: L’Oms la bolla come cancerogena (Adesso è ufficiale)

Il consumo di carne rossa lavorata fa aumentare il rischio del cancro, al pari di sigarette, arsenico, amianto, alcol…

A dirlo è l’Organizzazione mondiale della Sanità che ha deciso di inserire bacon e affini alla propria lista di sostanze cancerogene.

Franco Berrino: Alimentazione e tumori, La prevenzione del cancro, La dieta anticancro/antitumorale (VIDEO)

La carne rossa fresca, come bistecche e braciole, è leggermente meno pericolosa ma il suo consumo va comunque centellinato.

Tremano ora moltissime catene di fast food e l’industria della carne in genere,  potrebbero essere infatti introdotte nuove regole ed etichette alimentari.

LEGGI ANCHE: Mangiare troppa carne e formaggi è più pericoloso che fumare 

Incaricata della classificazione è l’Agency for Research on Cancer dell’Oms, che ha approfondito la questione in seguito alle preoccupazioni crescenti che la carne fosse all’origine del cancro all’intestino, il secondo tipo di tumore per frequenza nel Regno Unito.

Secondo questo recente studio potrebbe essere un solo specifico zucchero il responsabile della cancerogenicità attribuita ad alcune carni rosse. Si tratta della molecola Neu5Gc, di cui manzo, maiale e agnello costituiscono le fonti primarie nella dieta umana.

LEGGI ANCHE: Veronesi “La carne è cancerogena; vi svelo il motivo per cui non se ne parla” 

Questa la conclusione a cui sono giunti i ricercatori della University of California-San Diego School of Medicine, che hanno voluto capire perchè le persone che mangiano molta carne rossa sono a più alto rischio per alcuni tipi di tumori, rispetto a coloro che prediligono quelle bianche, come pollo o tacchino.

Da studi precedenti, i ricercatori avevano scoperto che Neu5Gc può essere assorbito nei tessuti umani. E notando come ne fossero ricche le cani rosse, il team ha ipotizzato che proprio il loro consumo promuovesse un’infiammazione potenzialmente cancerogena, dovuta al fatto che l’organismo genera anticorpi per ‘difendersi’ da questa molecola riconosciuta come ‘straniera’.

Share This Post On