Stupri a Rimini, confessano due fratelli marocchini di 15 e 16 anni

Stupri a Rimini, i minorenni portati in carcere. Si tratta di due fratelli di 15 e 16 anni e si sono presentati nella caserma dei carabinieri confessando di essere stati loro a stuprare la donna polacca e la trans peruviana. Un terzo uomo è stato fermato dagli agenti dello Sco della polizia: è un congolese, anche lui minorenne. Irreperibile il quarto, un nigeriano di 20 anni. Due ragazzi si sono presentati dagli investigatori e pare abbiano confessato, sostiene l’Ansa. Le telecamere di sorveglianza hanno ripreso i quattro uomini che avrebbero stuprato una giovane polacca, picchiato il suo amico e, dopo un’ora, commesso violenza su una trans. Il gruppo di violentatori è stato riconosciuto dalle vittime nelle immagini delle telecamere di sorveglianze. Tre giovani con bermuda, due un cappellino in testa, il terzo indossa una felpa con il cappuccio alzato. Sono loro, secondo gli inquirenti, tre dei quattro autori degli stupri compiuti otto giorni fa.

Stupri a Rimini, confessano due fratelli marocchini di 15 e 16 anni

Share This Post On