Depilazione prima dell’estate. Ecco cosa c’è da sapere

Depilazione prima dell’estate? Ma siete davvero sicuri di farla nel modo giusto e con i prodotti adatti? Ecco tutti i consigli per una pelle perfetta e per evitare fastidi e problemi alla pelle…

Ormai la ceretta è diventata una vera e propria abitudine, quasi giornaliera per donne ma anche uomini. Sempre di più inoltre sono al giorno d’oggi le donne che scelgono di risolvere una volta per tutte il problema dei peli superflui. In fondo, i metodi tradizionali garantiscono risultati a volte eccellenti, ma a breve termine e possono anche irritare la pelle e peggiorare la situazione. Ma quale metodo è davvero il migliore? Come riporta anche il sito Vocidicittà.it, ci sono molte tecniche, alcune migliori, altre peggiori, ma vediamole tutte nel dettaglio:

LEGGI ANCHE: Depilazione laser, ecco cosa accade davvero ai peli

  1. Il rasoio: L’epilazione per eccellenza, facile ed istantaneo per un impegno improvviso, è però nemico del pelo: infatti, non estirpandolo alla radice, lo aiuta a ricrescere più forte e a volte anche più scuro. Se ne sconsiglia, quindi, l’uso frequente, da abbinarsi, in caso, a un buon sapone o schiuma, così da farlo scivolare sulla superficie del nostro corpo. 2. Creme depilatorie: “Sotto la doccia”, è questo lo slogan di molte case che producono questi tipi di crema: immediate, facili, addirittura da poter fare sotto la doccia. Attenzione tuttavia, perché la sostanza chimica che spezza il pelo è l’acido tioglicolico, situato in concentrazione altissima tanto, appunto, da “sciogliere” il pelo. Si consiglia, dunque, di attenersi strettamente ai tempi descritti sulla confezione, visto che, a lungo andare, questa crema potrebbe anche dar fastidio o irritare la pelle.

Depilazione prima dell'estate. Ecco cosa c'è da sapere

3. Ceretta a caldo o a freddo: La più comune depilazione, quella con la ceretta, che sia dall’estetista (ceretta a caldo), o che sia a casa con gli strappi già pronti a freddo è uno dei modi più classici per depilarsi. Il lato positivo di questo metodo è che, strappandolo, il pelo si indebolisce – al contrario del rasoio – e via via verrà sempre più facile depilarsi. Attenzione, per le donne che soffrono di insufficienza venosa meglio evitare questo tipo di ceretta, perché può favorire la comparsa di capillari.

4. Ceretta orientale: Questo tipo di ceretta ha avuto il suo boom circa due estati fa, quando è arrivata fino in Europa. Si tratta di un composto a base di zucchero, acqua e succo di limone che si fa bollire fino a diventare color miele: lasciato a raffreddare, si lavora con le mani e si stende sulla parte del corpo interessata, per poi rimuoverla velocemente. Questa modalità offre molti vantaggi: lo strappo è meno traumatico grazie alla mancanza del calore e i suoi componenti naturali rendono la pelle morbida e idratata.

Purtroppo, però, non è molto praticato ed è difficile trovare chi lo esegua. Al contrario, nei Paesi medio-orientali questo tipo di depilazione viene tramandata di madre in figlia così che la si possa tranquillamente fare da sole.

Author: SDS

Share This Post On