I dieci alimenti utilizzati contro raffreddore e influenza

L’inverno ormai è alle porte e con la cattiva stagione cominciano a manifestarsi anche i primi malanni. Non solo raffreddore, ma anche sintomi influenzali mettono molto spesso a repentaglio i normali equilibri. Se per il picco di influenza si dovrà aspettare ancora qualche settimana, è bene però iniziare a prepararsi per contrastare infiammazioni, mal di gola e tosse.

LEGGI ANCHE: Influenza: Sarà la stagione più cattiva. Circa 7 milioni di italiani a letto

I dieci alimenti utilizzati contro raffreddore e influenza

Come? A partire da cosa mettere in tavola. Ecco i cibi che aiutano a combattere i malanni invernali. Importante in questo periodo:

1. Mangiare agrumi: Contro i sintomi influenzali la vitamina C aiuta in soccorso. Si ad agrumi sulle tavole ma anche cachi e kiwi. 2. Zuppe di verdura naturali: Evitate quelle già confezionate e cercate di creare una purea con della buona e fresca verdura d stagione. Carote, spinaci, zucca e piselli ben si sposano per questo periodo con dei crostini gustosi. 3. Zinco: Lo zinco, contenuto in germe di grano, cereali ma anche molluschi e carne. 4. Vitamina A:  La vitamina A è contenuta nel latte, nel burro e nelle uova ma anche nelle carote e negli spinaci.

5.  Antiossidanti: Sono presenti nei broccoli nei cavoli e nei cavolfiori. Stimolano le mucose e facilitano la secrezione del muco. 6. Flavonoidi e allicina: Aglio e cipolla possono risultare molto utili contro i malanni autunnali e invernali. 7. Zenzero: Lo zenzero è utilissimo per combattere ma di gola e tosse.  8. Miele: Il miele viene utilizzato per placare la tosse e riduce irritazioni e bruciori.  9. Curcuma: La curcuma o il curry contiene l’acido acetilsalicilico, principio attivo dell’aspirina.

10. Datteri e frutta secca:  I datteri sono consigliati ad atleti, sportivi, persone impegnate in attività fisiche impegnative. Il potassio, insieme al magnesio, è particolarmente utile per l’equilibrio dei liquidi nell’organismo e come protettore del sistema cardiovascolare, il fosforo invece aiuta le funzioni cerebrali. I datteri avrebbero anche proprietà antiinfiammatorie, per cui possono essere consumati in decotto col miele per aiutare le vie respiratorie, grazie alle proprietà emollienti e utili a contrastare il catarro. In decotto questi frutti aiutano anche in caso di infiammazioni intestinali.

Author: SDS

Share This Post On