I Filler consigliati dai medici estetici

Per contrastare le rughe oppure per ridare volume ad alcune zone del viso, i Filler sono sostanze utilizzate dai medici della chirurgia estetica per correggere gli inestetismi che si formano sul viso con il trascorrere del tempo.

Queste sostanze vengono iniettate direttamente nella pelle del viso tramite aghi particolarmente sottili. Per poter eseguire un trattamento di questo tipo occorre rivolgersi a medici qualificatieche, grazie alla loro professionalità, potranno consigliare il prodotto migliore.Infatti, prima di eseguire l’applicazione del Filler,il chirurgo estetico farà una visita per esaminare il tipo di inestetismo, svolgerà un’indagine sul tipo di eventuali allergie e malattie.

La procedura inoltre è poco invasiva e praticamente indolore. Per i pazienti particolarmente sensibili, il Medico potrà proporre una crema o una soluzione anestetica a base di lidocaina da applicare localmente sull’area da trattare in modo da attenuare la piccola sensazione di fastidio generata dalla puntura del microago.

LEGGI ANCHE: Cuscino che pulisce la pelle del viso nel sonno. Ora esiste!

I Filler consigliati dai medici estetici

Se invece di un trattamento si preferisce applicare una crema è possibile. I laboratori delle case cosmetiche sono continuamente impegnate per mettere a punto prodotti sempre più perfezionati da usare quotidianamente.

Creme, gel e sieri con azione rimpolpante e levigante, per conferire alla pelle maggiore densità, elasticità e luminosità. In commercio esistono tanti prodotti, chiedi sempre consiglio alle professionalità esperte in bellezza, benessere e salute.

Ricordiamo inoltre che i filler sono riassorbibili nel tempo, alcuni hanno un effetto più duraturo , altri meno. È importante sapere che i filler non sono permanenti, ma riassorbibili, quindi poco prima del termine del periodo di riassorbimento ci si dovrà rivolgere al medico per effettuare eventuali altre iniezioni per non perdere l’effetto desiderato. La durata nel tempo è stimata dai 4 ai 9 mesi, un range più che soddisfacente e dipendente dalle caratteristiche della pelle.

Ricordiamo in ultimo che è sconsigliato effettuare il trattamento in gravidanza e durante il periodo di allattamento. Inoltre è controindicato in presenza di malattie della pelle, infezione da Herpes in corso, patologie autoimmuni e collagenopatie.

Author: Beatrice

Share This Post On