Istat: Chi è ignorante muore prima

Questo l’ultimo risultato sull’aspettativa di vita delle persone dell’Istat. “Dimmi quando sei nato, che titolo di studio hai e ti dirò, statisticamente per carità, quando muori”. Chi è ignorante è portato ad ammalarsi prima…

Il giochino, pare abbia svelato che solo il 53 per cento dei maschietti con la licenza elementare arriva agli 80 anni di vita. Con la scuola media in tasca a 80 anni ci arriva il 59 per cento dei maschi italiani, col diploma gli ottantenni in vita sono il 63%.

Istat: Chi è ignorante muore prima

LEGGI ANCHE: Cala l’aspettativa di vita degli italiani. Ecco i motivi

LEGGI ANCHE: Studiosi: La corsa aiuta il cervello a crescere

La laurea garantisce, in media, gli ottanta anni di vita al settanta per cento dei maschi. Per le donne percentuali diverse, non troppo, ma medesimo trend e lezione: chi più ha studiato campa di più.

LEGGI ANCHE: Si laurea a 94 anni. Era iscritto da quando ne aveva 19

Questi i dati emersi, che rivelano come il maggior titolo di studio faccia sempre centro. Inoltre è emerso anche che il maggior numero di nozioni acquisite e maggiori competenze sviluppate significano anche migliori abitudini alimentari, sanitarie e migliori cure sia preventive che successive ad eventuali patologie.

Author: SDS

Share This Post On