Ius soli: fermata la legge

Ius soli, il testo scompare dal calendario al Senato: difficile lʼapprovazione entro fine legislatura…

Il governo a guida Gentiloni non vuole rischiare di turbare ulteriormente gli equilibri della maggioranza prima dellʼapprovazione del Def che richiede la maggioranza assoluta (161 voti).  Il Partito Democratico ha deciso di non chiedere la calendarizzazione del testo al Senato perché, ammette il capogruppo Luigi Zanda, “ora la maggioranza non c’è”. Eesultano Ap e le opposizioni da Forza Italia ai Cinque Stelle, per i quali “una valutazione su una legge così importante andrebbe fatta dai cittadini tramite referendum”. Questo nuovo stop è stato deciso nella conferenza dei capigruppo, la prima dopo la pausa estiva. Nonostante l’insistenza della sinistra, il Pd ha deciso di non portare al voto dell’Aula lo ius soli, già rinviato a luglio davanti alla levata di scudi dei centristi. L’approvazione potrebbe avvenire solo con il voto di fiducia, scelta che rischierebbe di far esplodere la maggioranza e lascerebbe fuori partiti di opposizione.

FOTO: reporternuovo.it

Come sostiene il ministro per i Rapporti con il Parlamento Anna Finocchiaro, “Il Governo presta al provvedimento ancora la massima attenzione” anche se al momento non ci sono le condizioni per assicurarne l’approvazione. Lo ius soli si potrebbe riprovare tra il Def e l’approdo in Aula della Manovra, attesa per fine ottobre.

Author: Beatrice

Share This Post On