Lascia il lavoro per viaggiare e diventa milionario con un blog

E’ diventato milionario grazie alla sua passione: Quella di viaggiare. Così un ragazzo, Johnny Ward, ha deciso di impiegare la sua vita viaggiando e guadagnando con un semplice blog che lentamente lo ha portato alla rivalsa.

Il blogger infatti è riuscito a guadagnare in poco tempo ben oltre un milione di dollari, esplorando paesi da recensire. Questo il suo lavoro: viaggiare, recensioni, post, fotografie pubblicate sul suo blog, Onestep4ward – letteralmente “Un passo avanti” -, che ha raggiunto un successo clamoroso in soli tre anni.

LEGGI ANCHE: Viaggia per il mondo e guadagnare. Jill Deconti: Ecco come vivo

“Viaggio da solo i due terzi del tempo, certo, ma i miei amici mi vengono spesso a trovare, o magari i lettori; soprattutto la mia fidanzata mi raggiunge appena può. Proprio qualche giorno fa eravamo alle Seychelles per celebrare il mio record personale, aver viaggiato per 150 paesi diversi”. Su suo profilo Instagram è possibile dare uno sguardo a tutte le foto scattate durante i suoi viaggi.

Lascia il lavoro per viaggiare e diventa milionario con un blog

Johnny ha raccontato al MailOnline Travel: “Di tecnologia non sapevo niente, ne sapevo quanto mia nonna, davvero, quindi ho dovuto studiare molto. Per quanto riguarda i post io mi limito a scrivere come parlerei, nello stesso identico modo”. E proprio dopo aver fatto corsi di SEO, ed essersi aggiornato sui social media, che sono cominciati i viaggi e le esperienze più curiose, da raccontare ai followers su Instagram, o da condividere in bacheca: ha mangiato carne di iena nelle lande desolate dell’Etiopia, fatto immersioni in gabbia con gli squali, ha fatto parapendio sull’Himalaya.

LEGGI ANCHE: Si licenzia e gira il mondo in barca con il gatto. Ecco perché

Dopo aver letto che con un blog, grazie agli sponsor e alle buone visualizzazioni, si poteva guadagnare a sufficienza per mantenersi, ecco nascere l’idea. Un biglietto di sola andata per la Thailandia e un laptop nello zaino. Con tutte le difficoltà del caso.

Author: SDS

Share This Post On