L’infedeltà è scritta nel Dna. Scoperto il ‘gene del tradimento’

Secondo alcuni studiosi l’infedeltà  è scritta nel Dna delle persone. Dunque il tradimento potrebbe non essere causato da fattori esterni…

A determinare il comportamento sessuale sarebbe secondo gli studiosi: «un mix di fattori genetici, ma anche biologici, culturali, storici, psicologici e religiosi». Questo è quanto è emerso da una ricerac effettuata da alcuni studi preliminari, portati avanti da diversi esperti durante il ventitreesimo Congresso dell’EPA (Associazione Europea di Psichiatria) di Vienna. Ciò, in ogni caso, non deve essere una giustificazione per i fedifraghi seriali, come ammonisce Marcel Waldinger della Utrecht University olandese. «Il puro approccio psicologico al tema dell’infedeltà non è più valido, perché è stato sfidato da nuovi dati scientifici che chiamano in causa fattori neurobiologici e genetici» ammette però Waldinger.

LEGGI ANCHE: Le nuove professioni che favoriscono il tradimento

Lo psichiatra Richard Balon della Wayne State University della città di Detroit fa riferimento, nella sua relazione presentata alla conferenza austriaca, «a un paio di lavori di cui uno pubblicato già su Plos One, che indicano come a rendere più inclini alla fedeltà o al tradimento potrebbero essere particolari assetti genetici dei sistemi della dopamina o dell’ossitocina».

Questi neuromediatori, difatti, come riporta il sito Vocidicittà.it, vengono considerati rispettivamente l’ormone del piacere e della curiosità di emozioni nuove e di ricompensa (il primo) e l’ormone delle coccole, dei legami e degli abbracci (il secondo). Gli ormoni determinerebbero, quindi, o la stabilità in una coppia oppure il bisogno incessante di esplorare e cercare nuove emozioni. La questione resta, dunque, un campo aperto e minato. Spiegano i due scienziati: «Condurre studi scientifici sul tradimento è difficile. Non sono molte le persone predisposte ad ammettere una relazione sessuale al di fuori della coppia, per cui è complicato raggiungere numeri in grado di produrre risultati statisticamente significativi. Quindi si può dire che alcune prime indicazioni su un possibile legame fra geni e infedeltà ci sono, ma vanno approfondite».

L'infedeltà è scritta nel Dna. Scoperto il 'gene del tradimento'

Gli studiosi hanno così condotto una ricerca sul Dna e sulla storia sessuale di 181 giovani, scoprendo che quelli con una certa variante del gene DRD4 avevano il doppio di probabilità di concedersi una scappatella rispetto agli altri. Tuttavia nonostante i risultati, altri esperti sono ancora cauti nel parlare di infedeltà genetica. Il monito arriva da Marcel Waldinger della Utrecht University olandese, che però ammette che un approccio solo psicologico al tema dell’infedeltà non può essere più considerato valido, “perché è stato sfidato da nuovi dati scientifici che chiamano in causa fattori neurobiologici e genetici”.

Author: SDS

Share This Post On