Mutui e prestiti. Ecco come capire se il vostro tasso è usuraio

Avete contratto  mutui o un prestiti e avete il sospetto che ci sia stato qualcosa di non proprio corretto nell’applicazione dei tassi di interesse? Perchè da oggi avete la possibilità di verificare la vostra posizione.

Avete acceso un mutuo o un prestito dal 2003 in poi? Il tasso che vi hanno applicato potrebbe essere più alto del tasso soglia ai fini dell’usura. In questo caso, secondo la Cassazione (sentenza n. 350 del 2013), è vostro diritto chiedere indietro gli interessi che vi sono stati applicati in maniera illecita.

Trova il tuo mutuo ideale!

Ma come si fa? Sul sito Altroconsumo.it potete utilizzare uno speciale calcolatore per verificare il tutto. L’importante è che abbiate davanti a voi il contratto di mutuo o di prest
ito. Sono necessarie infatti delle indicazioni precise sui tassi e le spese applicate al momento della stipula che potrete reperire solo sul contratto che avete firmato. Se al termine del calcolo il vostro tasso risulterà usuraio, potrete fare un reclamo alla vostra banca (o alla finanziaria). In merito, Altroconsumo ha già applicato alcuni ricorsi davanti all’ABF.

Lo strumento consente infatti lo sviluppo di un calcolo abbastanza complesso ed è necessario inserire diverse informazioni sui tassi e sulle spese accessorie. Comunque, non è difficile individuare il tasso effettivo globale medio, ogni tre mesi infatti il portale online della Banca d’Italia, rende noto anche il tasso medio a cui è possibile scambiare denaro.

LEGGI ANCHE: Irregolari il 70% dei mutui, ecco come riconoscerli e ottenere il rimborso

In ultimo e non ultimo, ricordiamo, che se si viene a scoprire che i tassi applicati sono usurari, potrete chiedere il rimborso degli interessi; Tuttavia, occorrerà anche valutare (soprattutto nei casi in cui il mutuo o il prestito è in essere da diversi anni) la possibilità di agire in sede civile, in caso di danni, e in sede penale.300x250_scelta_prestiti

Author: SDS

Share This Post On