Mutui ipotecari edilizi. Ci sono nuovi tassi di interesse

Con il Provvedimento N° 89 del 25 maggio 2017, l’INPS ha introdotto delle novità sui tassi d’interesse dei mutui INPDAP. Ma vediamo nello specifico di cosa si tratta.

Il Presidente dell’Inps ha disposto, per i mutui ipotecari edilizi ai dipendenti e pensionati pubblici iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, l’adeguamento del tasso di interesse al metodo del loan to value (LTV), considerando quindi il rapporto tra il mutuo concesso e il valore dell’immobile come risultante dalla perizia estimativa. Se sei un dipendente (o pensionato) pubblico e, tra le numerose offerte mutuo disponibili, hai intenzione di richiedere un mutuo INPS (ex INPDAP) per ricevere la liquidità necessaria per prender casa, devi sapere che l’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale ha da poco annunciato un’importante novità in materia di tassi di interesse mutui INPDAP per il 2017.

I nuovi tassi fissi di interesse individuati con tale metodo e riportati nell’avviso allegato interessano le domande: di mutuo di nuova concessione o di portabilità di un mutuo ipotecario a far data dal 1° settembre; di mutuo in ammortamento, su domanda dei mutuatari, a far data dal 1° luglio che non presentino situazioni di morosità a tale data; di mutuo ipotecario o di portabilità di un mutuo ipotecario presentate nei quadrimestri antecedenti la data del 1° luglio 2017 e il cui iter non si sia ancora perfezionato con il rogito anteriormente a tale data.

LEGGI ANCHE: Mutui e prestiti. Ecco come capire se il vostro tasso è usuraio

La mancata presentazione della domanda da parte del mutuatario o del richiedente il mutuo è da intendersi quale manifestazione di volontà di non adesione al nuovo tasso fisso e continuerà, quindi, a trovare applicazione il tasso di interesse stabilito con le determinazioni presidenziali 24 giugno 2015, n. 64 e 8 ottobre 2015, n. 110.

Mutui ipotecari edilizi. Ci sono nuovi tassi di interesse

Le modalità e i termini di presentazione delle domande di mutuo di nuova concessione o di portabilità di un mutuo ipotecario e di mutuo in ammortamento saranno disponibili a breve online.

Innanzitutto è importante precisare che l’Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell’Amministrazione Pubblica (INPDAP) a partire dal 2012 è stato inglobato nell’INPS. Nonostante l’INPDAP non esista più, i mutui ipotecari INPDAP sono ancora richiedibili e vanno sotto il nome di mutui ipotecari INPS.

Inoltre, ti ricordiamo che per poter ottenere questo prodotto di credito è necessario essere dipendenti o pensionati pubblici e che le finalità previste per poter richiedere un mutuo INPS (ex INDAP) sono le seguenti: acquisto prima casa, manutenzione o ristrutturazione prima casa.

Fonte Inps

Author: SDS

Share This Post On