Dietrofront del governo: Restano le monete da 1 e 2 centesimi

Il governo costretto a fare marcia indietro, restano le monete da 1 e 2 centesimi…

Spetta soltanto all’Ue la decisione sulla circolazione delle monete da 1 e 2 centesimi. Arriva oggi infatti l’altolà dell’Ue, l’unica che può decidere sulla loro circolazione e il governo è costretto al dietrofront. Pur smettendo di coniare le due monetine, nessun negoziante potrebbe rifiutarle. La Banca centrale europea l’ha scritto in due pareri spediti a Belgio e Finlandia che avevano già approvato norme simili a quella italiana. La sospensione del conio delle monetine dal 1 gennaio 2018 è prevista dall’emendamento del Pd, che vede come primo firmatario Sergio Boccadutri, contenuto nella cosiddetta “manovrina”. Nella legge Finanziaria sarà, probabilmente, contenuta una nuova norma per fare marcia indietro, perché, a differenza di quanto annunciato nei mesi scorsi, l’Italia non smetterà di coniare le monete da uno e due centesimi. Non può.

La moneta da 1 centesimo che vale 2500 euro
Il potere di decidere o meno la circolazione legale di pezzi della moneta unica non è dei parlamenti nazionali, bensì del Consiglio europeo. Non si può impedire ad uno spagnolo o ad un tedesco di usare le monetine in Italia. “In ogni caso non si può impedire ai clienti di pagare l’esatto ammontare dovuto usando le monete da uno e due centesimi” si legge nel parere della Bce.

GUARDA ANCHE: La moneta da 1 centesimo che vale 2500 euro

La moneta da 1 centesimo che vale 2500 euro

La commissione Finanze del Senato ha, inoltre, ipotizzato il rischio che lo stop alle monetine possa comportare un aumento dei prezzi, che colpirebbe soprattutto le fasce più deboli della popolazione. Le monetine, infatti, avrebbero ancora corso legale ma si arrotonderà per eccesso o per difetto al multiplo di cinque centesimi più vicino.

Author: Emanuele Mastropaolo

Share This Post On