Versamento online dei contributi per lavoratori domestici. Come fare?

Allo scopo di semplificare ulteriormente gli adempimenti dei propri utenti, l‘Inps ha realizzato un servizio per il pagamento online dei contributi dei lavoratori domestici. Ma come si fa?

Spieghiamo tutto il procedimento così come lo ha riportato l’Inps. Il servizio ricordiamo che è rivolto ai datori di lavoro di lavoratori domestici. l servizio online prevede, attraverso il Portale dei Pagamenti, il pagamento dei contributi relativi a un singolo rapporto di lavoro con l’utilizzo del codice fiscale del datore di lavoro e il codice del rapporto di lavoro senza la necessità di possedere il PIN oppure il pagamento dei contributi relativi a uno o più rapporti di lavoro tramite il codice fiscale del datore di lavoro e il PIN, che può essere richiesto attraverso lo specifico servizio online. In questo caso la procedura permette di visualizzare tutti i rapporti di lavoro che fanno capo all’utente. Una volta avvenuta l’autenticazione, è proposto l’importo complessivo per il trimestre in scadenza, calcolato in base ai dati comunicati all’assunzione o successivamente variati con l’apposita comunicazione.

È possibile modificare gli elementi che hanno determinato il calcolo (ore, settimane, retribuzione oraria) e automaticamente la procedura ridetermina il nuovo importo complessivo da versare. Dopo aver visualizzato tale importo, l’utente potrà individuare la modalità preferita con la quale effettuare il pagamento, scegliendo: MAV inviato dall’INPS per posta oppure generato dall’utente.

Il bollettino può essere visualizzato, modificato, stampato e pagato in un qualsiasi istituto di credito senza commissioni oppure presso gli uffici postali con l’applicazione della commissione di versamento; tramite la modalità “Pagamento immediato pagoPA”, che permette di versare i contributi utilizzando la carta di credito, di debito o prepagata oppure mediante addebito in conto; avviso di pagamento pagoPA, che permette di versare i contributi presso qualsiasi Prestatore di Servizi di Pagamento (PSP) aderente al circuito “ pagoPA”.

In alternativa al servizio online è possibile pagare i contributi presso le tabaccherie del circuito Reti Amiche (Lottomatica e banca Unicredit SpA) che espongono il logo Servizi INPS.

I contributi si ricorda che possono essere pagati: dal 1° al 10 aprile versamento per il 1° trimestre; dal 1° al 10 luglio versamento per il 2° trimestre; dal 1° al 10 ottobre versamento per il 3° trimestre; dal 1° al 10 gennaio versamento per il 4° trimestre. Il pagamento online può essere effettuato con carta di credito Visa, MasterCard e Moneta, tutti i giorni della settimana, 24 ore su 24.

LEGGI ANCHE: Assegno sociale e di solidarietà, le nuove regole Inps per il 2018

Ricordiamo anche che per tutte le altre procedure dei pagamenti allo scopo di semplificare ulteriormente gli adempimenti dei propri utenti, l’Inps ha realizzato un servizio per il pagamento on line dei contributi dei lavoratori domestici. Una modalità che, in futuro, potrà essere utilizzata per il pagamento di altri contributi.

La procedura – già operativa – permette di effettuare, attraverso il sito dell’Istituto www.inps.it, nella sezione servizi on line per il cittadino, il pagamento dei contributi dovuti dai datori di lavoro domestico tramite Posteitaliane. Prima di accedere al servizio, è necessario registrarsi nel sito di Posteitaliane www.poste.it.
Il pagamento dei contributi via Internet prevede:

il pagamento di un singolo rapporto di lavoro con l’utilizzo del codice fiscale del datore di lavoro e il codice del rapporto di lavoro, che si può trovare sui vecchi bollettini, senza la necessità di possedere il PIN;
il pagamento di uno o più rapporti di lavoro tramite il solo codice fiscale del datore di lavoro e il PIN.

In questo caso la procedura permette di visualizzare tutti i rapporti di lavoro che fanno capo all’utente. Una volta avvenuta l’autenticazione, occorre inserire i dati necessari per il calcolo dell’importo da pagare.

Author: SDS

Share This Post On