Come compilare la Dsu e richiedere l’Isee

Pensioni, agevolazioni, prestazioni sociali e tano altro è necessario richiedere la Dsu e il modulo Isee. Ma di cosa si tratta e come si compilano? Per prima cosa ricordiamo che la Dsu, Dichiarazione Sostitutiva Unica è un documento che contiene le informazioni di carattere anagrafico, reddituale e patrimoniale necessarie a descrivere la situazione economica del nucleo con il quale si ottiene il calcolo dell’Isee, l’Indicatore della Situazione Economica Equivalente, necessario per richiedere prestazioni sociali agevolate.

La DSU e l’ ISEE sono utilizzati dagli utenti che fanno richiesta di prestazioni sociali agevolate, ovvero di tutte le prestazioni o servizi sociali o assistenziali la cui erogazione dipende dalla situazione economica del nucleo familiare del richiedente, ossia basata sulla cosiddetta prova dei mezzi.

La Dichiarazione Sostitutiva Unica ( DSU) è un documento che contiene i dati anagrafici, reddituali e patrimoniali di un nucleo familiare e ha validità dal momento della presentazione e fino al 15 gennaio dell’anno successivo. La DSU può essere presentata: all’ente che eroga la prestazione sociale agevolata; al comune; a un Centro di Assistenza Fiscale; online, tramite PIN, all’INPS.

Il Sistema Informativo Isee è consultato dagli enti erogatori ai fini della verifica del possesso dei requisiti da parte di chi abbia richiesto una prestazione sociale agevolata. In particolare, gli enti acquisiscono il valore ISEE, la composizione del nucleo familiare e le informazioni della Dsu con le modalità precisate dalla circolare Inps

FDa ricordare che l’Isee consente agli utenti di accedere, a condizioni agevolate, alle prestazioni sociali o ai servizi di pubblica utilità e viene calcolato come rapporto tra l’Indicatore della Situazione Economica ( ISE) e il parametro desunto dalla scala di equivalenza di seguito riportata con le maggiorazioni previste. Sono previste maggiorazioni di: 0,35 per ogni ulteriore componente; 0,5 per ogni componente con disabilità media, grave o non autosufficiente; 0,2 in caso di presenza nel nucleo di tre figli, 0,35 in caso di quattro figli, 0,5 in caso di almeno cinque figli; 0,2 per nuclei familiari con figli minori, elevata a 0,3 in presenza di almeno un figlio di età inferiore a tre anni compiuti, in cui entrambi i genitori o l’unico presente abbiano svolto attività di lavoro o di impresa per almeno sei mesi nell’anno di riferimento dei redditi dichiarati. La maggiorazione si applica anche in caso di nuclei familiari composti esclusivamente da un solo genitore non lavoratore e da figli minorenni. Ai soli fini della maggiorazione, fa parte del nucleo familiare anche il genitore non convivente, non coniugato con l’altro genitore che abbia riconosciuto i figli, a meno che non ricorrano casi specifici.

Ape sociale e pensione per lavoratori precoci. Ancora pochi giorni per le domande

Inoltre, in caso di vicinissima scadenza dei termini per l’accesso a una prestazione sociale agevolata, i componenti del nucleo familiare potranno anche presentare la relativa richiesta accompagnata dalla ricevuta di presentazione della DSU.

Fonte Inps

Author: SDS

Share This Post On