Consiglio di Stato, ok all’obbligo dei vaccini nelle scuole dell’infanzia

L’obbligo di vaccinare i bambini da 0 a 16 anni per l’accesso a scuola è in pieno vigore già da quest’anno scolastico, come previsto dalla legge approvata in via definitiva il 28 luglio. A confermarlo il Consiglio di Stato.

Il residente della Regione Veneto, Luca Zaia ha detto: “”Il parere al Consiglio di Stato sulle modalità di applicazione della legge nazionale sui vaccini lo avevamo chiesto noi, quindi ne rispettiamo totalmente le conclusioni. Ci riserviamo peraltro di leggerne integralmente i contenuti, aldilà delle anticipazioni avute tramite le Agenzie”. Lo dice il presidente della Regione Veneto Luca Zaia, commentando la notizia che il Consiglio di Stato ha indicato che già a decorrere dall’anno scolastico in corso trova applicazione la regola secondo cui, per accedere ai nidi e alle scuole per l’infanzia, occorre presentare la documentazione che provi l’avvenuta vaccinazione”.“Resta in piedi – aggiunge il Governatore – il nostro ricorso alla Corte Costituzionale, che è anche stato aggiornato sulla base della conversione nella legge 119 del Decreto Lorenzin sull’obbligatorietà dei vaccini, la cui discussione è stata proprio oggi fissata dalla Consulta per il 21 novembre 2017 in udienza pubblica”.

Nel suo parere, il Consiglio di Stato sottolinea che «la copertura vaccinale può non essere oggetto dell’interesse di un singolo individuo, ma sicuramente è d’interesse primario della collettività». Il decreto di moratoria, firmato dal direttore generale della Sanità veneta Domenico Mantoan, aveva subito scatenato polemiche. Dal canto suo, Mantoan affermava: «Dalla legge non emerge in modo chiaro se le misure di restrizione alla frequenza scolastica siano applicabili sin dall’anno scolastico 2017/2018 e per l’anno scolastico 2018/2019, per i bambini già iscritti a nidi e materne».

LEGGI ANCHE: Vaccini, primi bimbi respinti all’asilo

“Oggi abbiamo avuto due notizie: una drammatica, abbiamo il quarto decesso a causa del morbillo, si tratta di un 41enne immunodepresso a Catania che non era stato vaccinato, alla quale si collega una positiva. Il Consiglio di stato ha ratificato la correttezza della legge sui vaccini. È incredibile che siamo ancora qui a commentare questo tipo di notizie. Questi virus sono pericolosi, lo scopo mio e del Governo è proteggere i cittadini”. Lo ha detto la ministra della Salute Beatrice Lorenzin al termine della direzione nazionale di Ap.

Vaccini ai bambini, uno su dieci non è ancora in regola

Ricordiamo che la vicenda dei vaccini è iniziata molto tempo fa e che da oggi sarà obbligatoria per i bambini che intenderanno frequentare le scuole d’infanzia. Molti medici si ritengono soddisfatti di questa misura, al fine di evitare spiacevoli problematiche.

Author: SDS

Share This Post On