Lavoro. Come cambieranno i contratti con il Decreto dignità

Stanno per cambiare radicalmente le cose nel mondo del Lavoro. Dopo l’approvazione del tanto atteso Decreto dignità, gli italiani si preparano alle novità che verranno messe in campo dal governo Conti.

I senatori del Movimento 5 Stelle hanno detto alla stampa: “Con questo provvedimento mandiamo in soffitta l’idea che un popolo di precari possa fare bene alle imprese e al sistema produttivo, tuteliamo le aziende oneste, sia semplificando la loro vita sostituendo adempimenti obsoleti sia contrastando i ‘prenditori’ di sussidi che prendono i soldi e delocalizzano”. Di Maio ha scritto sulla sua pagina facebook: Andiamo avanti, un nuovo risultato per i cittadini finalmente”.

Lavoro, pensioni, gioco d’azzardo, iva e tanto altro, ecco come cambieranno le cose per i cittadini e i lavoratori: Per prima cosa, per quanto riguarda il lavoro, con questo decreto verranno reintrodotti i voucher, i buoni lavoro per i lavori occasionali a grande richiesta dalla Lega. Questi voucher però verranno utilizzati solo in alcuni settori lavorativi, come quello alberghiero, agricolo e per gli enti locali. I datori di lavoro potranno così utilizzare i “buoni lavoro” per pagare prestazioni lavorative molto brevi, anche di poche ore soltanto. I nuovi voucher, però ricordiamo, potranno essere usati soltanto per pagare pensionati, studenti con meno di 25 anni, disoccupati e percettori di forme di sostegno al reddito. Inoltre, sarà previsto un bonus del 50% dei contributi per le assunzioni di under 35.

Sarà previsto l’esonero della disciplina dello stop&go, cioè l’interruzione tra un contratto a termine e un altro per il lavoro in somministrazione. Previsto anche un periodo transitorio fino al 31 ottobre per l’applicazione delle nuove norme sui contratti a termine già in corso. La quota delle assunzioni che le Regioni potranno fare nel triennio 2019-2021 sarà destinata al rafforzamento degli organici dei Centri per l’impiego, secondo modalità definite con accordo da concludere in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato.

Legge stabilità: 1,2 milioni di assunzioni a tempo indeterminato

Con questo decreto si ridurrà la durata massima dei contratti a tempo determinato da 36 a 24 mesi. I contratti superiori ai 12 mesi, dovranno essere giustificati da una causale, il che significa che il datore di lavoro dovrà quindi giustificare perché assume un dipendente a tempo determinato invece che a tempo indeterminato.

Author: SDS

Share This Post On