Oms: 1,4 miliardi di persone a rischio per poca attività fisica. Gli italiani i peggiori

L’Organizzazione Mondiale della Sanità si è espressa: molte, troppe persone fanno poca attività fisica e questo si ripercuote sullo stato di salute. Nello specifico, sono circa 1,4 i miliardi di persone a rischio salute per la mancanza di un’adeguata attività in palestra durante la settimana.

A vincere la medaglia della pigrizia però sono proprio gli Italiani, che fanno davvero poco sport. “L’insufficiente attività fisica – si legge nello studio pubblicato su The Lancet Global Health Journal – è un fattore di rischio principale per alcune malattie non infettive e ha effetti negativi sulla salute mentale e la qualità della vita”.

L’Oms, per tale motivo ha consigliato che tutti dovrebbero dedicare circa 150 minuti a settimana a esercizi di “moderata intensità”, come camminare rapidamente, nuotare o andare in bicicletta e almeno 75 minuti a esercizi più intensi, come correre o praticare sport di squadra. La ricerca mette anche in luce che dal 2001, nonostante molte campagne di salute pubblica, i livelli di attività fisica nel mondo sono rimasti sostanzialmente invariati. Sono comunque molto forti le differenze tra i Paesi ricchi e quelli poveri e anche tra uomini e donne.

Nel 2016 il 32% delle donne non si muove abbastanza, rispetto all’uomo che invece si ferma al 23%. Stessa tendenza si registra in Italia, dove il sesso femminile tocca il 46,2%, in confronto al 36,2% del sesso maschile.

Oms: 1,4 miliardi di persone a rischio per poca attività fisica. Gli italiani i peggiori

Ogni sforzo esercitato dal sistema muscolo-scheletrico che si traduce in un consumo di energia superiore a quello delle condizioni di riposo”, la definizione corretta secondo l’Oms. Sostanzialmente dunque, chi non raggiunge i 150 minuti di attività moderata o i 75 ad alta intensità su scala settimanale, è considerato sedentario. Svolgere una normale attività fisica previene malattie cardiovascolari e diabete, oltre a migliorare lo stato di salute. Insomma, gli italiani dovrebbero approfittare dell’inizio di settembre per cominciare ad alimentarsi meglio ma soprattutto a fare più attività fisica. Questo è consigliato soprattutto per i bambini e per gli anziani. Sempre l’Oms, ricorda che i bambini italiani sono tra i più grassi d’Europa e per questo è consigliato fare più attività sportiva.

Author: SDS

Share This Post On