Pensione di cittadinanza 2019. Ecco i requisiti per richiederla

Dopo le nuove normative del Governo Conte a sostegno delle famiglie, uno strumento a favore delle persone anziane prende piede: si chiama pensione di cittadinanza ed è un ottimo sistema per far fronte alle difficoltà economiche delle persone in fase di quiescenza. Ma chi può fare domanda per il 2019 e quali requisiti servono?

Si tratta di un’integrazione alle pensioni di importo inferiore a 780 euro. L’Inps, nello specifico, erogherà sempre l’importo della pensione e lo Stato lo integrerà per l’importo mancante in modo da garantire ad ognuno di percepire un trattamento non inferiore alla soglia di povertà. A confermare l’inserimento di questo bonus il Governo che ha ribadito che inserirà nella Legge di Bilancio 2019 la pensione di cittadinanza.

Dunque, l’integrazione verrà direttamente calcolata in base a requisiti reddituali del pensionato e in base se sono soli o coniugati. Ma quali sono i requisiti necessari per beneficare di questa nuova misura? Secondo le ultime notizie, pare che il punto fondamentale sia quello economico. Verranno pertanto prese in considerazione gli importi percepiti della pensione e il reddito annuo, che secondo le novità annunciate, sarà stabilito in base all’ISEE che non dovrà però essere superiore a 8.000 euro all’anno.

Ape sociale e pensione per lavoratori precoci. Ancora pochi giorni per le domande

Secondo i conti dell’Inps e i dati forniti dall’Istat, circa il 12,6 per cento dei pensionati, pari a circa 2 milioni di assistiti, incassa un assegno mensile inferiore a 500 euro e rientrerebbe in pieno tra i beneficiari della pensione di cittadinanza e a questi numeri dovrebbero aggiungersi anche il 26,4% di pensionati, si tratta di circa 4 milioni e mezzo di assistiti, che ricevono una pensione compresa tra 500 e 1.000 euro al mese. Cifre comunque importanti che il Movimento 5 stelle assicura di poter reperire, anche grazie al taglio delle pensioni d’oro e del tanto dibattuto Def.

Author: SDS

Share This Post On