Perdonare significa distruggere una parte di noi stessi

Tante volte capita di dover perdonare qualcuno o di chiedere venia per qualcosa che si è fatto, secondo alcuni esperti però la pratica del perdono serve solo a distruggersi. Perdonare gli altri in realtà non farebbe bene, anzi.

Quando una persona subisce un torto, una delusione, soffre e una parte di lui se ne va. La sofferenza aiuta a far capire chi abbiamo davanti e talvolta aiuta a farci trovare gente migliore allontanando così chi invece non potrà mai essere fidato. Perdonare in alcuni casi non porta a nulla proprio perché la fiducia quando ormai la fiducia ha ceduto il posto ad altri sentimenti. Il risentimento, la sofferenza, l’aver capito di essere stati in qualche modo traditi non è mai una buona cosa e il perdono in alcuni casi può essere deleterio.

In alcuni casi sarebbe meglio affrontare la sofferenza accogliendola ma non salvare le apparenze e perdonare chi ci ha fatto del male. Il perdono è un gesto estremamente importante e da fare solo in alcuni casi, solo quando una persona è davvero importante e quando è facile comprendere il gesto che ha portato al tradimento. Sia che si tratti di una coppia, di un amico/ amica, la situazione è sempre la stessa, per poter perdonare è necessario che ci sia amore e rispetto, altrimenti si ci farebbe del male senza motivo.

Perdonare non è perdere, è decidere di andare avanti consapevoli che la vita è davvero un dono straordinario ma a volte perdonare è anche mettersi l’orgoglio sotto i piedi e sentire di aver fallito e aver concesso a quella persona la possibilità di farlo ancora. Quando subiamo un torto abbiamo solo due possibilità: coltivare il rancore e progettare la vendetta, oppure perdonare ma a volte nessuna delle due è una buona scelta.

In alcuni fatti il perdono no serve anzi, ci fa cadere nella sensazione di essere piccoli e di dover per forza subire sempre. Il perdono è un percorso difficile da affrontare e per farlo devono esserci tutti i presupposti. altrimenti sarà solo una condanna interiore.

Perdonare significa distruggere una parte di noi stessi

Il perdono non può nascere dal torto né dalla sofferenza di qualcuno. Il perdono può nascere solo dall’oblio. Dopo il torto subito sei pieno di sentimenti negativi. Per andare avanti e perdonare è necessario distruggere tutti i malumori e i risentimenti. Si tratta di un lavoro molto lungo e per nulla facile da fare. Tuttavia perdonare è sempre un gesto nobile ma va fatto solo con il vero sentimento e con il giusto rispetto per tutti. Ricordate che perdonare non significa dimenticare, perché ci sono cose che non riuscirete mai a scordare ma riuscire a passarci alle spalle tutto può essere la strada per la salvezza.

Author: SDS

Share This Post On