Salvini: ‘Via lʼobbligo dei vaccini’

“Via all’obbligo delle vaccinazioni” Ecco la nuova linea di Matteo Salvini. Insomma, la Lega va indietro sui vaccini ma la ministra della salute Beatrice Lorenzin non ci sta e duramente critica le sue parole dicendo: “estremismo dell’incompetenza” e rincara la dose dicendo anche che: “L’Italia va vaccinata dagli incompetenti e per qualche voto in più gioca con la salute dei bambini”.

Siamo in piena campagna politica se ancora non si fosse ben capito e i vari partiti lo sanno bene che stanno già avanzando le migliori proposte per essere preferiti dagli italiani, come quella ad esempio di Matteo Salvini. Il tema dell’obbligatorietà dei vaccini impatta anche sul centrodestra però, dove le posizioni sono assai differenti. Ad intervenire duramente contro il leader leghista però è stato anche Matteo Renzi sui social. Nella polemica interviene anche Emanuele Fiano, che in un commento su Twitter ha detto: “Si torna al Medioevo. Matteo Salvini è il nuovo capo dei no-vax. Vuole chiudere le porte agli immigrati e riaprirle al morbillo. Intanto Luigi Di Maio entra ed esce dall’euro in una porta girevole. Votate con la testa rivolta al futuro perché questi sono il peggior passato”. Intanto, il leader leghista ha annunciato anche che: “Bisogna abolire la Buona scuola, che ha rottamato migliaia di insegnanti”.

Il tema dei vaccini comunque è stato ampiamente discusso per tutto il 2017 e ancora oggi i medici si schierano contro coloro che non vogliono far vaccinare i propri figli.

Infatti la nuova legge sui vaccini, è stata approvata definitivamente nell’estate 2017 e alza da 4 a 10 le vaccinazioni obbligatorie per l’infanzia. Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e il Ministero della Salute hanno diramato proprio il 1° settembre una circolare congiunta con indicazioni operative, relative all’anno scolastico 2017/2018, per l’attuazione della legge in materia di prevenzione vaccinale.

Inoltre per la mancata somministrazione dei vaccini obbligatori viene preclusa l’iscrizione agli asili nido e alle scuole materne ai mabini. Per il mancato rispetto dell’obbligo da parte di bambini e ragazzi più grandi, invece, è prevista anche una multa da 100 a 500 euro. Non vaccinare significa anche andare incontro ad una serie di rischi importanti legati alla salute del bambino e dell’adulto. Molti medici inoltre hanno spiegato che i vaccini, oltre che nei bambini, sono estremamente utili anche per tutte le donne in età fertile, per prevenire ad esempio i rischi derivanti dalla rosolia in gravidanza, e negli uomini che se non vaccinati possono diventare essi stessi un serbatoio di diffusione della malattia.

Vaccini ai bambini, uno su dieci non è ancora in regola

Vaccinare dunque è necessario e la politica, soprattutto quella che non ha nessuna qualifica in materia, dovrebbe evitare di avanzare proposte. Questo il pensiero dei medici che sono davvero indignati dalle proposte politiche di questi tempi. Insomma la campagna elettorale sarà spietata ma il consiglio resta quello di cercare di evitare di prendere in giro gli italiani..

Author: SDS

Share This Post On