Tra bollette e sanità gli italiani spendono all’anno più di 7mila euro a testa

Tra bollette e spese per la sanità è emerso che gli italiani spendono all’anno circa 7mila euro a testa. Questi i dati esposti da Confcommercio dopo le ultime analisi effettuate durante l’anno.

Nello specifico, dall’analisi di lungo periodo  della Confcommercio, è emerso che si sono succeduti nell’arco di oltre un ventennio, le tendenze di fondo nella distribuzione dei consumi tra le spese per le quali si ha poca, o nessuna, libertà di scelta e quelle determinate dai bisogni, dai gusti e dalle abitudini dei singoli consumatori.Inoltre, le esigenze di risanamento degli squilibri di bilancio regionali imputabili alla spesa sanitaria. Tra le uscite vincolate, prosegue Confcommercio, la voce abitazione è quella più rilevante: tra affitti, manutenzioni, bollette e utenze assorbe “quasi 4.200 euro” (il 60% delle spese obbligate complessive).

Il primo elemento che emerge dall’analisi del grafico è la sostanziale impermeabilità delle spese obbligate alle dinamiche economiche. Fino al 2014 la quota destinata a questi consumi da parte delle famiglie è, infatti, risultata in costante crescita nonostante la marcata inversione del ciclo. Questa tendenza ha penalizzato in misura sensibile la componente relativa ai beni commercializzabili, la cui quota è passata, nello stesso periodo, dal 46,0% al 37,3%. Su questi ultimi hanno pesato sia gli effetti dell’aumento in valore delle spese obbligate, sia l’emergere di nuove necessità legate al processo di terziarizzazione del consumo sintetizzato dal sorpasso dei servizi sui beni.

Bollette: 9 italiani su 10 non sanno quanto consumano

Su tali andamenti hanno pesato anche le esigenze di finanza pubblica, che hanno portato gli enti erogatori dei servizi – come nel caso dello smaltimento dei rifiuti – a frequenti aumenti dei prezzi (tariffe). Va anche segnalato come la dinamica dei prezzi relativi alle spese obbligate, dopo un biennio di deflazione, sia tornata a crescere a ritmi più sostenuti rispetto al dato generale, con un ampliamento del divario. tra affitto, spese alimentari, beni di prima necessità e per la casa e la famiglia, gli italiani, anche quelli con un reddito alto, faticano ad arrivare alla fine del mese.

da segnalare, che in questo anno, sono saliti anche i prezzi di molti beni, talvolta anche di prima necessità, che hanno comportato un danno alle tasche degli italiani.

Author: SDS

Share This Post On